Come questa autrice di newsletter ha saputo coinvolgere i suoi lettori

Controllare le fonti, proporre idee, correggere bozze: i lettori di The First 1000 Days non sostengono la newsletter solo finanziariamente, ma offrono molto di più.

Irene Caselli organizza incontri mensili con i membri per ascoltare le loro idee editoriali. Foto: Lise Straatsma.

Irene Caselli unisce la sua passione ed esperienza come corrispondente estera e madre in The First 1000 Days, la sua newsletter che tratta di un periodo fondamentale per lo sviluppo del cervello di un bambino.

Caselli ha lanciato il suo lavoro con The Correspondent, un progetto finanziato dai suoi stessi membri. Quando questo ha chiuso alla fine del 2020, l'editore Slow News – già presente su Steady – le ha fornito una piattaforma, un aiuto logistico e una comunità che la pensa come lei.

Ora Caselli si affida a Steady per gestire il suo programma di adesioni, elaborare i pagamenti dei suoi membri e coinvolgere ancora di più la comunità nel suo lavoro giornalistico.

Recentemente è stata invitata a partecipare al programma Entrepreneurial Journalism Creators della City University of New York per il suo lavoro in The First 1000 Days.

Steady: Una cosa che ci piace del tuo progetto è come i lettori partecipano al tuo lavoro. Come fai a coinvolgerli?

Irene Caselli: Una cosa che avevamo capito bene a The Correspondent era un certo tipo di pensiero chiamato "routine dei membri". Una serie di modi in cui potevamo coinvolgere il pubblico fin dall'inizio, nel momento in cui stavamo cercando nuove idee, ottenendo così feedback e stimoli dai nostri membri, dai lettori, e poi in tutte le altre fasi del percorso.

Questi momenti di confronto con la comunità sono ancora oggi al centro del mio lavoro. Ricevo suggerimenti dai membri su cosa vorrebbero che io scrivessi. Li intervisto, perché a volte sono degli esperti, come pediatri che lavorano sul trauma, per esempio. A volte diventano fonti, o a volte li convinco a controllare i miei scritti. E poi il cerchio si chiude quando i loro commenti ai miei articoli risvegliano nuove idee di storie. Quando si interagisce con i lettori in un modo così significativo, anche loro si abituano a un diverso tipo di giornalismo.

Una volta, una persona con cui non avevo mai parlato prima si è offerta di aiutarmi come correttrice di bozze. Non è una editor di professione, lavora in una biblioteca, ma il contributo che ha saputo dare alle mie storie ha davvero migliorato tutto il mio lavoro. È stata una editor fantastica.

Bisogna offrire ai membri diversi modi per essere coinvolti e sostenerti. Qualsiasi cosa, da "per favore, condividi questa storia sui social network" a qualcosa di più stimolante. Se non avessi chiesto, non l'avrei trovata.

E hai portato le routine dei membri anche nei tuoi piani di adesione.

Sì, organizzo incontri mensili su Zoom con i membri che pagano di più [i Founding Member pagano 8 euro al mese]. Uno dei vantaggi di pagare di più è che si ha un contatto più diretto con me. Di solito questi sono incontri molto rilassati, dove offro un'anteprima del lavoro che sto portando avanti e ascolto le loro storie e reazioni. A volte chiacchieriamo di cose importanti per la nostra vita quotidiana, che sono in qualche modo rilevanti anche per The First 1000 Days.

Durante uno di questi incontri, c’era un'istruttrice di yoga che lavora anche con i bambini. Era molto interessata a come iniziamo a muoverci e da dove viene il nostro movimento. Non avevo mai pensato di occuparmene in modo specifico. Così, ho iniziato a indagare e mi sono imbattuta in alcune ricerche molto interessanti su come il movimento dipenda molto dalla cultura. In certi paesi, per esempio in India e in Giamaica, i genitori sono più propensi a massaggiare i loro figli e questo può stimolare il movimento. Tutto ciò arriva da un'idea nata da un membro che poi è diventata una serie.

The First 1000 Days offre tre piani di abbonamento.

Parlaci del piano di adesione regolare, Member (4 EUR al mese).

Chi aderisce a questo piano ottiene l'accesso sia alla newsletter che agli archivi. I membri paganti possono leggere tutto quello che si trova lì.

In più, hanno anche accesso alla sezione dei commenti sotto ogni articolo e lì possono trovare conversazioni tra membri, così come tra esperti in diversi ambiti che invito a partecipare. Come membro, puoi commentare e fare domande direttamente agli esperti. Quindi qui c’è un doppio scopo: si ha contatto diretto con dei professionisti e si ha un ruolo nel costruire una comunità.

Ogni volta che scrivo qualcosa, ci sono almeno tre o quattro commenti, che è un buon inizio. Presto comincerò a ospitare eventi online, dove i membri paganti avranno la possibilità di essere nella stanza Zoom con me per intervistare le persone. Gli abbonati alla newsletter non paganti avranno la possibilità di seguire lo streaming. L'idea è di fare le interviste insieme e io agirò come moderatrice o intervistatrice principale, insieme ai membri.

L'allattamento al seno, i "terribili due", alcuni traguardi e altro ancora: una selezione di articoli da The First 1000 Days.

Come scegli quali contenuti rendere disponibili gratuitamente e quali esclusivi solo per i membri paganti? Qual è la tua strategia?

Mi piacerebbe rendere il mio contenuto gratuito e accessibile a tutti per principio. Ma all'inizio è molto difficile garantire questa condizione, perché poi diventa complicato portare un’argomentazione a favore del sostegno nei tuoi confronti. Quindi quello che sto facendo ora è questo: se qualcuno non può permettersi di pagare un piano di adesione, ma è comunque interessato, posso invitarlo a diventare membro. Ho sette o otto membri aggiunti in questo modo. In ogni caso, per la mia newsletter settimanale, almeno un numero al mese è gratuito, a volte due. Di solito cerco di scegliere argomenti che penso siano più urgenti, o che potrebbero suscitare un interesse più forte, perché così avranno maggiore risonanza anche sui social network. Sugli articoli a pagamento c'è un paywall, quindi non possono essere facilmente condivisi.

Ho anche scritto i principi che muovono il mio lavoro e il motivo per cui sto scrivendo questa newsletter – sono articoli che metto a disposizione di tutti, perché penso sia importante potervi accedere. Alla fine, è un esercizio di trasparenza, che ritengo essere molto importante, specialmente con le newsletter, dal momento le persone le ricevono direttamente nella loro casella di posta. È abbastanza intimo, in un certo senso. Come lettrice di newsletter, mi piace sapere chi c'è dall'altra parte. E penso anche che a livello più ampio – in termini di giornalismo –, portare chi sei là fuori offre ai lettori uno strumento in più per capire da dove vieni e perché dovrebbero fidarsi o non fidarsi di te su una certa questione.

La tua newsletter non ha pubblicità. Questo significa che i membri paganti sono la tua unica fonte di reddito?

Il mio obiettivo è quello di rendere la newsletter la mia principale fonte di reddito e spero entro la fine dell'anno di avere circa 300 membri paganti, il che mi offrirebbe una base per i miei costi di vita. Ma a questo punto la newsletter occupa probabilmente metà della mia settimana. Durante l'altra metà lavoro come reporter freelance sugli stessi temi, ma per pubblicazioni più grandi. Conduco anche alcuni percorsi come mentor con il Dart Center for Journalism and Trauma alla Columbia University e con il progetto di sovvenzione Modern Slavery Unveiled. E sono anche una mamma!

E qual è stata la tua esperienza con Steady finora?

Ciò che mi piace molto di Steady è che suddivide i pagamenti annuali della sottoscrizione in 12 mesi, quindi ti dà una visione più realistica di quanto stai guadagnando ogni mese, invece di ricevere tutti i soldi in una volta sola e poi dopo tre mesi pensare: "E adesso cosa faccio?”. Questo mi aiuta a capire quanto tempo e risorse possa davvero dedicare alla newsletter rispetto ad altre fonti di reddito.

Ho membri da molti paesi diversi e non abbiamo avuto alcun problema di pagamento con Steady. È semplice e intuitivo e il sistema è senza problemi.

Diventa un membro di Irene Caselli su Steady!

Non vedi l’ora di iniziare la tua newsletter? 

Ci vogliono solo 5 minuti su Steady.