Passa al contenuto principale

Il debug di codice di plugin WordPress e di siti internet

Quando qualcosa non funziona il cliente solleva il telefono e preoccupato ti spega cosa non va.
In quel momento il programmatore sa bene cosa gli aspetta: la caccia dell'ago nel pagliaio.
Con metodo pero'.
A seconda del tipo di codice.
L'episodio degrada dolcemente non solo verso la soluzione del bug (parte umano e parte di codice) ma anche affrontando quell'altra fase di controllo che e' quella una tantum, nella quale si ricontrolla tutto quello che andava fatta.
Ma per scoprire che sul sito vetrina fatto rapidamente anni fa non c'e' poi da gioire troppo: hai dimenticato tutte le basi legali, non solo la partita iva in home page.
E per il controllo degli aspetti legali ora si va oltre, ricorrendo ai social ma anche ai servizi delle camera di commercio.
Oggi quindi parliamo di controlli tecnici e legali dei siti.
Siete pronti ? :)
Vi aspetto su caffe20.it/membri (Si apre in una nuova finestra), 30 gg gratis poi da 3 euro al mese (poi 4 da gennaio)

Per leggere questo post devi diventare un affiliato. Gli affiliati ci aiutano a finanziare il nostro lavoro per permetterci di continuare a farlo il più a lungo possibile.

Scopri i nostri piani (Si apre in una nuova finestra)

Argomento Attrezzi

0 comments

Vuoi essere la prima persona a commentare?
Abbonati a Caffe20.it e avvia una conversazione.
Sostieni