#preferiscolamulta Valutazione sommaria dei dati reali da Italia 2021/2022

Quando ho guardato i dati dello studio di Biontech/Pfizer: https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/nejmoa2034577 sono rimasta sorpresa subito dopo le prime righe che delle persone vaccinate che state infettate dal  virus, il 12,5% di loro si è ammalato, mentre di quelli che potrebbero essere chiamati non vaccinati  perché hanno ricevuto il placebo, solo il 5,6% degli infettati si è ammalato:

Il fatto che solo lo 0,037% dei vaccinati avrebbe contratto il virus invece dello 0,746% suonava bene  anche a me. Ma l'alto tasso di malattia dei vaccinati infettati mi ho irritata ed è per questo che ho  dato un'occhiata più da vicino allo studio e ho deciso di controllare tutto di nuovo, quando i dati reali  saranno disponibili.

I dati reali dell'Italia sono ideali per questo scopo, poiché il sistema sanitario italiano è ben  coordinato e digitalizzato in termini di raccolta dati.

Per quanto riguarda lo studio Biontech/Pfizer, mi sarebbe piaciuto se il comportamento di tutti i  partecipanti stati anche controllato. Soprattutto con un virus come la SARS-CoV-2, mi sarebbe  interessato sapere se i partecipanti allo studio indossavano maschere, si lavavano regolarmente le  mani, si tenevano a distanza, ecc. Già questo comportamento minimizza il rischio di infezione, quindi  sarebbe stato interessante sapere quante di queste persone erano nei gruppi placebo e vaccino.

Almeno con le 170 persone infette, o almeno con le 10 persone malato, sarebbe stato interessante  capire le somiglianze generali tra persone vaccinate e non vaccinate. Per esempio: gruppo sanguigno,  esercizio fisico, dieta, rispetto alle regole, ecc.

La selezione dei probandi che hanno ricevuto il placebo o il vaccino è stata fatta tramite generatore  casuale (randomizzazione). Ciò significa che si può assumere che i possibili disturbi siano distribuiti  equamente tra i due gruppi. Ma soprattutto con una decisione di così ampia portata come una  vaccinazione di massa, sarebbe stato importante per me sapere se entrambi i gruppi si comportano  allo stesso modo e anche in relazione alla loro situazione di vita. Se, per esempio, il gruppo placebo  contiene più persone che entrano in contatto con altre persone per motivi professionali (compresi i viaggi da e per il lavoro in autobus e in treno) o perché (devono) andare in altre folle, questo distorce  l'idea che possiamo fare della situazione!

Uomini e donne sani sono stati selezionati per lo studio, compreso un gruppo di 196 persone con  l'HIV (AIDS). Quello che mi ha fatto pensare a questo punto è che questo gruppo è stato osservato  separatamente e i dati non sono stati inclusi nello studio. Poi mi sono chiesta se c'era mai stato  qualcosa di insolito riguardo all'RNA e all'HIV. È così!

A questo proposito, è interessante uno studio dell'Università di Francoforte del 2008, che si occupa di  vaccini RNA per l'HIV: https://www.uni-frankfurt.de/53362293/Generic_53362293.pdf

Si è scoperto che le persone che hanno ricevuto il vaccino avevano più probabilità di infettarsi con  l'HIV rispetto al gruppo di confronto che non ha ricevuto il vaccino. E tra le altre cose, afferma anche:  "Uno la ragione principale è che l'HIV ha un genoma RNA che viene copiato con un alto tasso di  errore e produce costantemente nuove varianti del virus con epitopi alterati!"

Se questo dovesse accadere anche con la SARS-CoV-2, che da un lato le persone vaccinate si infettino  più rapidamente con la SARS-CoV-2 e in più alimentino l'emergere di nuove varianti virali, la  vaccinazione di massa non sarebbe stata una buona idea a lungo termine.

Poiché lo studio Biontech/Pfizer ha anche dichiarato che la raccolta di dati di fase 2/3  sull'immunogenicità del vaccino e sulla durata della risposta immunitaria all'immunizzazione è ancora  in corso e che anche questi dati non sono inclusi nello studio, lo studio Biontech/Pfizer stato  inutilizzabile per me come base personale di decisione.

E poiché è stato il fondatore di Curevac, Ingmar Hoerr, a scoprire nell'estate del 1999 che l'RNA  scatena una risposta immunitaria negli animali da laboratorio, ero ancora più interessato allo studio  Curevac che allo studio Biontech/Pfizer, perché Curevac aveva più esperienza con vaccini l'RNA  rispettivamente sul tema dell'RNA in generale.

Le dichiarazioni di Ingmar Hoerr nell'estate del 2021 nel programma televisione tedesca SWR  Nachtcafé "Wofür es sich zu kämpfen lohnt" (ciò per cui vale la pena lottare):  https://www.youtube.com/watch?v=Kzh9ZNNjQLQ riguarda al suo incontro con Bill Gates e anche  che dopo l'ictus sospettava di essere stato rapito dal KGB, mi ha fatto pensare.

E la dichiarazione del capo dello studio di vaccinazione Curevac nell'estate del Estate 2021 nel  Tagesschau mi ha fatto pensare specialmente: https://www.tagesschau.de/wirtschaft/unternehmen/curevac-geschichte-101.html:

"Inoltre, era la legge non scritta del team di Tubinga di somministrare l'RNA nel modo più possibile  puro senza trattamento chimica. Questo ha avuto conseguenze fatali per CureVac, perché la  concorrenza sono riusciti a raggiungere una concentrazione molto più alta modificando l'RNA  messaggero. Il capo dello studio di vaccinazione CureVac, Peter Kremsner ha detto: "BioNTech e  Moderna sono state in grado di produrre da tre a dieci volte il dosi alterando chimicamente l'RNA.  Con CureVac, il dogma era che si inietta l'RNA il più invariato possibile, il che è fondamentalmente  corretto, ma purtroppo non ha funzionato"."

Se coloro che dovrebbero saperne di più pensano che sia più corretto non fare alcun cambiamento  chimico al RNA, ci sarebbe dovuto essere uno scambio pubblico e generalmente comprensibile su  questo!

Nel caso che decisioni tolgono un budget così grande, come è stato il caso di tutta la campagna di  vaccinazione dalla "pentola della comunità" (il pagamento delle tasse di tutti i cittadini),  naturalmente vale sempre la pena di seguire il percorso del denaro.

Anche in questo caso è molto interessante!

Ma non voglio aprire questo vaso di Pandora, perché ero interessato all'effetto medico per poter  prendere una buona decisione per me e per mia madre (che appartiene al gruppo a rischio  vulnerabile). E per essere in grado di trarre conclusioni che potrebbero diventare importanti per  pandemie in futuro e che mi sarebbe piaciuto di vedere anche per questa pandemia.

Dopo tutto, erano/sono in gioco delle vite umane! E questo è vero sia per le persone che si sono  ammalate o sono morte a causa della virus, così come per coloro che si sono ammalati o sono morti  per i danni del vaccino e tutti coloro che si sono ammalati/morti direttamente o indirettamente a  causa delle misure pandemiche adottate, che tutto sommato ha/hanno avuto conseguenze per tutti  come minaccia all'esistenza e molto di più. Quindi si trattava/si tratta niente meno che dell'intero  società! Dietro ogni numero c'è una vita umana! Qualcuno come te e me, che ha una famiglia,  amici... una vita!

Mentre Delta si affievoliva e Omikron diventava dominante, il fondatore di Biontech Uğur Şahin ha  detto in dicembre 2021 che con 3 vaccinazioni Omikron potrebbe essere resistito in linea con i dati  del studio originale: https://www.tagesspiegel.de/wissen/booster-haelt-mutante-stand-impfstoff-laut-biontech-bei-drei-dosen-immer-noch-effektiv-gegen-omikron/27872138.html

Dopo aver analizzato i dati italiani di dicembre 2021 e febbraio 2022, un anno dopo l'inizio della  vaccinazione temo che ciò che lo studio dell'Università di Francoforte ha trovato nel 2008 riguarda il  vaccino RNA HIV possa essere accaduto, che le persone vaccinate si infettano con SARSCoV-2 più  rapidamente delle persone non vaccinate. Come appena detto, secondo il signor Şahin, la terza  vaccinazione (dose booster) dovrebbe avere la stessa efficacia accertato nello studio originale.  Tuttavia le cifre italiane mostrano che l'efficacia è peggiorata drasticamente in un campo. Nel caso  del tasso di infezione di tutti quelli vaccinati 3 volte l'efficacia è peggiorata di un fattore 116! I 3 volte  vaccinati sono stati quindi infettati 116 volte più spesso del previsto. Anche il tasso di malattia  rispetto a tutti quelli vaccinati 3 volte è peggiorato, ma "solo" di un fattore 12,5.

Sarebbe sicuramente importante sapere come si sono comportati i vaccinati e i non vaccinati, anche  con i veri dati italiani. Quindi quanti di quelli che sono stati vaccinati hanno comunque seguito le  regole come mantenere la distanza, indossare una maschera, ecc, e quanti dei non vaccinati.

Purtroppo, non ci sono dichiarazioni qualitative oltre ai dati quantitativi. Ma è comunque vistoso, che  hanno sbagliarsi nel valutare così enorme, dato che il tasso di infezione in relazione a tutte le persone non vaccinate era solo superiore 18 volte invece di 116 volte e nel caso del tasso di malattia in  relazione a tutte le persone non vaccinate di un fattore di di solo 8,5 volte invece di 12,5 volte!

A mio parere, si dovrebbe urgentemente indagare sulla questione se milioni di persone - in generale,  ma specificamente attraverso la vaccinazione "booster" - sono stati e sono ora esposti ad un  aumentato(!) rischio di infezione. Soprattutto per garantire che i gruppi già vulnerabili non diventi  critico il prossimo autunno! Si spera che ulteriori varianti, che possono essere state rese possibili  dalla vaccinazione in primo luogo (vedi studio di Francoforte), continuano a indebolirsi come hanno  fatto normalmente i virus dalla natura fino ad ora.

Per le mie valutazioni, ho utilizzato i dati ufficiali de L'epidemiologia per la sanità pubblica Istituto  Superiore di Sanità (in breve epicentro ISS). Sul rapporto tra stato di vaccinazione e ricovero in  ospedale, ricovero in terapia intensiva e morte:

E per mostrare il DANNO del vaccino in relazione alle vaccinazioni, ho usato il documento ufficiale  dati dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA in breve):

I riferimenti esatti delle fonti sono depositati alla fine di questo riassunto! Questo riassunto e tutte le  appendici possono essere scaricati gratuitamente e senza alcuna indicazione dalla homepage:  https://www.the-peace-experiment.rocks/preferisco-la-multa/ Con "ctrl + f" e il inserimento  "Download" si passa automaticamente ai documenti desiderati.

Allegato 1: Dati di dicembre

Il rapporto dell'epicentro ISS di dicembre documenta la situazione al momento della variante Delta.  Dato l'AIFA notato il danno da vaccino per 100.000 dosi somministrate, ho prima convertita il danno  da vaccino in persone con il numero di casi gravi secondo il rapporto annuale dell'AIFA. Allora ho calcolata i tassi di infezione e di malattia in relazione al numero di persone vaccinate e non vaccinate,  per essere infine in grado di determinare come influisce la decisione se noi continuiamo di vaccinare  o non vaccinare la situazione in generale.

La conclusione era: Se si poteva supporre che i dati sarebbero rimasti come erano, l'effetto positivo  della vaccinazione si trasformerebbe nell'opposto a causa dei svolta della vaccinazione e dei danni e  un'ulteriore vaccinazione non sarebbe stata consigliabile a questo punto!

Importante: Queste affermazioni/conclusioni, come tutte quelle che seguono, sono puramente  quantitative e si riferiscono solo ai numeri (sia per quanto riguarda l'effetto positivo della  vaccinazione che il pericolo di ulteriori vaccinazioni)senza sapere quanto fosse alta la proporzione di  persone vaccinate e non vaccinate che aderivano ad altri misure come indossare una maschera, ecc.

Allegato 2: Dati di febbraio

Il rapporto dell'epicentro ISS di dicembre documenta la situazione al momento della variante  Omicron. Anche qui ho prima convertita il danno di vaccinazione in persone. Come è già stato notato  che il efficacia del vaccino non è durato così a lungo come si era sperato, l'epicentro ISS ha suddiviso i  dati per la seconda vaccinazione in meno e più di 120 giorni invece della valutazione di dicembre in  meno e più di 150 giorni. Poiché il rapporto di febbraio ha offerto tre momenti per il livello di  vaccinazione, ho scelto il valore medio del 08.01.2022 per i miei calcoli.

La conclusione era: Staccato dai dati di dicembre, sembra con i dati di febbraio (senza uno sguardo  più intenso alla suddivisione dei diversi stati di vaccinazione) che la vaccinazione ha salvato molte  vite! Tuttavia, se si osserva il deterioramento dei dati da dicembre a febbraio, si nota che le cifre per  entrambi i vaccinati (peggioramento di 2,1223 volte da 25.350 a 53.801 persone a causa dei svolta  della vaccinazione e dei danni) così come per il non vaccinati (peggioramento di 2,6799 volte da  7.670 a 20.555 persone) è peggiorato quasi simile. Nel caso di continuare la vaccinazione in questo  periodo, si deve anche tener conto che i casi gravi di danno da vaccino dovrebbero essere meno di  22,3 per 100.000 dosi, altrimenti si verificherà l'effetto opposto.

Nota: Nell'allegato 3 elenco il numero di danni di vaccinazione secondo i rapporti mensili dell'AIFA. Lì  si può vedere che ci sono stati anche periodi in cui fino a 44 danni da vaccinazione per 100.000 dosi  (febbraio 2021) sono stati registrati.

Allegato 3: Confronto di efficacia 1

Oltre all'elencazione del numero di danni da vaccinazione per mese e di una personale conversione  delle singole diagnosi di danno da vaccinazione (da clinicamente rilevante a invalidità a deceduto), ho  controllato come si è sviluppato l'effetto della vaccinazione superiore a quantità di vaccinazioni.

La conclusione era: Se la seconda vaccinazione è avvenuta da meno di 120 o 150 giorni, il numero di  ricoveri in ospedale, i ricoveri in terapia intensiva e il numero di decessi sono stati ridotti rispetto ai  dati dopo la prima vaccinazione. Tuttavia, se la seconda vaccinazione è stata più di 120 o 150 giorni  fa, questi dati hanno superato quelli dopo la prima vaccinazione. La terza vaccinazione è stata in  grado di compensare questa tendenza negativa in dicembre, ma non ha raggiunto lo stesso valori che  abbiamo visto dopo la prima o la seconda vaccinazione, se questo era meno di 120 o 150 giorni fa. A  febbraio, tuttavia, la terza vaccinazione non ha nemmeno fermato la tendenza negativa. Quando si  guarda al totale dei ricoveri ospedalieri, la terapia intensiva e la tendenza peggiora, anche se solo  dello 0,02% (da 1,433 a 1,453).

Allegato 4: Confronto di efficacia 2

In questo confronto di efficacia, ho ora confrontata direttamente le percentuali di dicembre e  febbraio: A partire dal numero di persone infette in relazione al numero totale di persone non  vaccinate e vaccinate con le loro diverse fasi di vaccinazione. C'è questo confronto ha già mostrato  che il numero di infezioni è aumentato di 10 volte per i vaccinati e "solo" 6,6 volte per i non vaccinati,  mi interessava anche alla confronto delle cifre di quante persone infettate si sono ammalate e come  questi numeri sembrerebbero paragonati allo studio originale.

La conclusione era: Il virus è diventato più contagioso dalla variante delta alla variante omicron,  stranamente, più per i vaccinati che per i non vaccinati. Il che mi ha ricordato ancora una volta il  studio di Francoforte. Ma il virus si è generalmente indebolito in termini di malattie che sono  derivate dalle infezioni, sia per i vaccinati che per i non vaccinati. La dichiarazione di Biontech che il  booster avrebbe la stessa efficacia su Omikron come documentato nello studio originale era non si  rifletteva nelle cifre. Il gruppo di persone che ha ricevuto 3 vaccinazioni sono infettati 116 volte  superiore a quella che ci si sarebbe aspettati dallo studio e si ammalavano 12,5 volte più spesso. Nel  caso dei non vaccinati hanno fatto un errore di valutazione più basso. "Solo" 18 e 8,5 volte superiore  a quella che ci si sarebbe aspettati dallo studio! Alla fine, si può dire che la mia irritazione iniziale  riguarda al tasso di malattia del 12,5% nello studio Biontech/Pfizer non è stato fortunatamente  confermato nei dati reali, ma le cifre della valutazione globale rendono necessarie alcune revisioni  supplementari. Soprattutto se si deve temere che tra i vaccinati un grande di coloro hanno aderito  più strettamente alle regole come distanza, mascherina, ecc., perché a mio parere questo  renderebbe questa valutazione ancora più esplosive!

Conclusione generale:

Una tecnocrazia come quella prevista da Draghi, tra gli altri, sembra a prima vista una buona  soluzione. Wikipedia definisce la tecnocrazia come segue: La tecnocrazia è intesa oggi come una  forma di governo o di amministrazione in cui tutte le decisioni sono basate su conoscenze scientifiche e tecniche socialmente neutre.

Purtroppo, la tecnocrazia suggerisce che c'è solo una soluzione giusta - quella basata sulla scienza.  Ma la caratteristica principale della scienza è che è dall'esito incerto (è aperta)! Si fanno delle tesi  (supposizione) che vengono poi testate da materiale empirico (raccolta sistematica e metodica di  dati) e poi vengono verificate (confermate) o rifiutate. La scienza è un approccio alla verità e può  produrre più di una soluzione e sempre nuovi risultati. La scienza è caratterizzata dal fatto che  fondamentalmente non conosce una chiusura (una fine). Al massimo si ottengono dei risultati  intermedi "finali" che rimangono validi fino a nuove scoperte.

Una tecnocrazia dovrebbe quindi essere aperta con i risultati. Ma allora l'amministrazione  raggiungerebbe i suoi limiti!

Il fatto che così tante persone percepiscano una tecnocrazia come una dittatura è colpa del fatto che  la tecnocrazia lascia poco o nessun spazio all'empatia e che impedisce anche il dibattito democratico.  Questo minaccia l'esistenza delle società per almeno due ragioni.

I dibattiti possono portare a tesi importanti che altrimenti verrebbero trascurate, ma che devono  assolutamente essere indagate. Diventa pericoloso nel momento in cui la soluzione che si presume  essere corretta non funziona o addirittura porta a un peggioramento della situazione.

E l'attuazione della tecnocrazia richiede (intenzionalmente o meno) coercizione e punizione e  l'esclusione di alcuni settori della popolazione, fino alla loro criminalizzazione. Il fatto che la  radicalizzazione si verifichi poi in alcune parti della popolazione non può essere evitato.

Per come era strutturato lo "studio" di Biontech/Pfizer, non sarebbe stato sufficiente per me, se fossi  stato un decisore, ordinare una vaccinazione di massa! Il numero di persone da testare era troppo  piccolo, il comportamento di tutte le persone da testare avrebbe dovuto essere registrato in  dettaglio e sarebbe stato assolutamente necessario verificare se nuove varianti del virus SARS-CoV-2  con epitopi alterati vengono costantemente create anche da questo vaccino RNA.

Purtroppo non è stato raccolto prima altro materiale empirico, ma la vaccinazione di massa è stata  effettuata sulla base dei risultati dello studio Biontech/Pfizer. I dati delle fasi 2 e 3 non sono stati  inclusi nello studio, ma questi sono assolutamente(!) necessari per verificare una tesi. Lo studio  Biontech/Pfizer presentato il 10 dicembre 2020 ha portato all'approvazione condizionata del vaccino  da parte della Commissione Europea il 21 dicembre  2020: https://ec.europa.eu/commission/presscorner/detail/it/ip_20_2466.

Ho ritenuto che questa decisione fosse irresponsabile, sfortunatamente non è stato possibile tenere  alcun dibattito fattuale su questo né pubblicamente né tra la famiglia e gli amici.

Ora i dati reali sono il materiale empirico che possiamo e dobbiamo usare!

Se i dati dello studio Biontech/Pfizer si fossero verificati, le persone non vaccinate avrebbero avuto  20 volte più probabilità di essere infettate e 8 volte più probabilità di ammalarsi rispetto alle persone  vaccinate. Guardando i dati reali del febbraio 2022, il 5,638% dei vaccinati ha contratto la malattia e  poco più del doppio dei non vaccinati (13,193%). È lo stesso con la malattia (1,259 % / 2,644 %)!

La TESI(!) dello studio Biontech/Pfizer che le persone non vaccinate hanno 20 volte più probabilità di  essere infettate, ecc. non poteva essere affermata sulla base dei dati reali italiani!

Il sistema sanitario italiano, così come alcuni altri sistemi sanitari in Europa, hanno il problema di  essere già al limite della loro capacità in tempi di utilizzo "normale". In caso di disastro, gli ospedali  diventano inevitabilmente un collo di bottiglia!

Per evitare che questo collo di bottiglia crollasse, si è deciso di utilizzare un'altra "tattica" di collo di  bottiglia con la vaccinazione di massa, senza poterne valutare le conseguenze!

Le vaccinazioni sono una grande conquista della ricerca medica! Ma capita che non sono la soluzione  migliore per ogni pandemia. Anche il virus A/H1N1 si è indebolito nel corso di 2 anni senza  vaccinazioni a tal punto che l'influenza spagnola ha perso il suo terrore!

Sei anche interessato alla mia idea "The Peace Experiment"? E se è così, vorresti aiutarmi?

https://steadyhq.com/de/jedeselementzaehlt/about

Fonti dei dati reali italiani

Vaccinazioni effettuate

L'epidemiologia per la sanità pubblica Istituto Superiore di Sanità (https://www.epicentro.iss.it/)

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/bollettino/Bollettino-sorveglianza-integrata-COVID-19_21- dicembre-2021.pdf 

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/bollettino/Bollettino-sorveglianza-integrata-COVID-19_9- febbraio-2022.pdf

Effetti collaterali delle vaccinazioni e danni da vaccinazione

Agenzia Italiana del Farmaco (https://www.aifa.gov.it/)

Rapporto 1:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_1.pdf 

Rapporto 2:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_2.pdf

Rapporto 3:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_3.pdf

Rapporto 4:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_4.pdf

Rapporto 5:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_5.pdf

Rapporto 6:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_6.pdf

Rapporto 7:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_7.pdf

Rapporto 8:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_8.pdf

Rapporto 9:  https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_sorveglianza_vaccini_COVID-19_9.pdf

Rapporto 10:   https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1315190/Rapporto_annuale_su_sicurezza_vaccini%20ant i-COVID-19.pdf

Letti di terapia intensiva Italia

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (https://www.agenas.gov.it/)

https://www.agenas.gov.it/covid19/web/index.php?r=site%2Fgraph3

Solo i membri che hanno accesso a questo post possono leggere e scrivere commenti.